1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Telecom Italia: Fuggetta, analisi ragionata di problemi e strategie – 2

QUOTAZIONI Telecom Italia
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In questo contesto dunque quali strategie si possono ipotizzare? Fuggetta parla di una possibile separazione funzionale della rete (come Bt nel Regno Unito), di una “vacanza regolatoria o sostegno pubblico all’incumbent” (come proposto in Germania), o di una separazione strutturale (Singapore). “In realtà – prosegue il docente – appare auspicabile procedere a una separazione strutturale della rete, con quotazione della nuova società e partecipazione/sostegno finanziario anche di soggetti pubblici. La nuova società, se dotata di una contabilità regolatoria, diviene così un ‘level playing field’ per tutti gli altri operatori, assicurando nel contempo una remunerazione adeguata ai finanziatori passati e futuri grazie a tariffe approvate dall’autorità. Questa soluzione, ancorché poco diffusa a livello internazionale (per esempio, Singapore), appare l’unica a garantire lo sviluppo di un mercato aperto e competitivo, secondo le linee discusse in precedenza, e nel contempo il reperimento di quelle risorse finanziarie private e pubbliche in grado di sostenere gli investimenti infrastrutturali necessari allo sviluppo della rete stessa”. Fuggetta riconosce che “la separazione strutturale può avvenire solo in presenza di un forte impegno a livello nazionale e comunitario sul fronte regolatorio e di controllo, per far sì che vi sia reale competizione e apertura nell’accesso alle risorse della nuova rete”. In questo quadro, “l’accesso Ip deve essere considerato un servizio universale. In generale, è necessario un ruolo forte del pubblico e della politica, sia dal punto di vista legislativo e normativo, sia per quanto riguarda le scelte di allocazione degli investimenti strategici del paese”.