1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Telecom It. in spolvero, profit taking su Fiat e Mps

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Corrado Berlenda, responsabile del mercato azionario italiano per Euromobiliare sgr, indica come tema rilevante il rimbalzo del settore telefonico, sia in Europa sia in Italia. A riguardo, il Belpaese in giornata è stato movimentato dai risultati del primo semestre di Telecom Italia, che hanno evidenziato un utile operativo a 3.988 milioni di euro, con una crescita del 6,2% rispetto all’analogo periodo del 2004. “I risultati sono stati più o meno in linea con le attese”, ha commentato Berlenda. Alla Borsa milanese i titoli del gruppo telefonico made in Italy hanno fatto bene, così come Unicredit, Rcs, Luxottica e ST Microelectronics. Quest’ultima ha terminato la giornata guardando con ottimismo ai conti trimestrali che saranno annunciati nella notte italiana e beneficiando nel frattempo dei buoni numeri di Texas Instruments. Anche Alleanza ha chiuso il martedì in splendida forma (+1,53%). Berlenda attribuisce il rally a due ordini di motivazioni. Innanzi tutto, sono tornati i “soliti” rumor secondo cui sarebbero in vista operazioni straordinarie da parte della controllante Generali che riguarderebbero da vicino la compagnia di assicurazione. Inoltre, vi sarebbero motivi tecnici. “Alleanza sta richiudendo il delta che negli ultimi tempi si era creato con Generali”, sottolinea il gestore di Euromobiliare sgr, che tiene a precisare di credere maggiormente a quest’ultima spiegazione. Le prese di profitto sono invece proseguite su Mps (-3,75%) e potrebbero avere il preso il via su Fiat (-1,83%). Sull’istituto senese fonti di stampa hanno confezionato un’altra ipotesi: che ad acquistare titoli la scorsa settimana siano state le cooperative toscane, prima fra tutte Unicoop Firenze. Per quanto invece concerne le azioni del Lingotto, “a questi prezzi anche l’eventuale annuncio di un accordo da parte di Fiat andrebbe studiato nei dettagli, per capire se davvero i titoli in Borsa, che quotano ai massimi degli ultimi tre anni, sono correttamente valutati”, ritiene Berlenda. Rosso intenso anche per Mediobanca, Bpu e per Popolare di Verona e Novara.