Tassi, la Fed pronta a nuovi rialzi

Inviato da Redazione il Gio, 24/02/2005 - 13:11
"La politica monetaria della Fed è ancora accomodante. La Fed deve agire per far fronte al rialzo dell'inflazione che si attesterà tra il 2,5% e il 3%. Abbiamo dunque ancora strada da fare lungo il sentiero della stretta monetaria". Jack Gunynn, presidente della Federal Reserve Bank di Atlanta, ne è convinto: l'inflazione non è ancora del tutto sotto controllo e il costo del denaro non potrà che aumentare nei prossimi mesi. Guynn è l'unico dei presidenti "regionali" ad essere uscito allo scoperto pubblicamente. Ma come lui devono pensarla altri membri del Fomc. Lo si deduce dai resoconti della riunione che si è tenuta a inizio febbraio, ma che sono stati diffusi solo ieri: "Il target sui tassi interbancari rimane troppo basso, nonostante i sei ritocchi verso l'alto decisi nel corso degli ultimi otto mesi, ma gli ulteriori aumenti dipenderanno dai dati economici che arriveranno". Alcuni membri del Comitato federale, per esempio, hanno espresso preoccupazioni sul possibile rialzo dell'indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti.
COMMENTA LA NOTIZIA