Tassi Fed: Intesa, prossime mosse dipenderanno dai dati

Inviato da Marco Barlassina il Gio, 26/10/2006 - 11:51
Il sentiero di politica monetaria resta dipendente dai dati ma il comunicato di ieri della Fed ha l'effetto di convalidare le attuali aspettative di mercato sui tassi, con una probabilità trascurabile di aumento nel primo trimestre e il rischio di un taglio nella parte centrale dell'anno. Questo in sintesi il giudizio espresso dagli analisti di Banca Intesa allo statement che ha seguito la decisione da parte della Federal Reserve di mantenere invariati i tassi sui Fed funds.
Secondo gli analisti essenziale sarà monitorare il prossimo mix di dati su crescita e prezzi: "Il rallentamento del ritmo di crescita - si legge nella nota dell'ufficio studi milanese - se non è eccessivo, è essenziale per il calo futuro dell'inflazione, considerando che il Fomc ritiene il pieno utilizzo delle risorse attualmente il principale fattore dietro le pressioni inflazionistiche" ma "la situazione resterà incerta ancora abbastanza a lungo e fino al secondo trimestre difficilmente ci saranno indicazioni univoche sulla direzione dei tassi".
COMMENTA LA NOTIZIA