Tasse: l'Italia scala la classifica in Europa, pressione fiscale al 44%

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 05/07/2013 - 13:11

L'Italia tra le prime posizioni di una classifica poco apprezzata. Il Belpaese sta infatti scalando anno dopo anno la graduatoria dei Paesi tassatori d'Europa, raggiungendo la quarta posizione tra i 17 Stati dell'Euro e la sesta tra i 27 Paesi dell'Ue e posizionandosi così ben al di sopra della media del Vecchio Continente al 41,5%. La pressione fiscale in rapporto al Pil è infatti salita nel 2012 al 44% rispetto al 42,6% registrato nel 2011, scavalcando così la Finlandia. A renderlo noto i dati di Finanza pubblica nei Paesi dell'Unione europea diffusi da Banca d'Italia. Meglio dell'Italia hanno fatto Belgio con un peso del fisco nel 2012 al 47,1% (45,9% nel 2011), la Francia con 46,9% (45,8% nel 2011) e l'Austria 44,2% (43,5% nel 2011)

Non va meglio se si guarda al debito pubblico: quello italiano è risultato il più gravoso tra i Paesi dell'Unione europea, secondo solo a quello della Grecia. I particolare, fa notare Via Nazionale, il rapporto tra debito pubblico lordo e Pil nel 2012 in Italia è stato pari al 127% dal 120,8% del 2011. In Grecia si è invece attestato al 156,9%, in calo rispetto al 2011. Oltre il 100% ci sono Portogallo (123,6%) e Irlanda (117,6%).

COMMENTA LA NOTIZIA