1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Tassa in vista per le banche europee: al G20 nasce il fondo anti-crisi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Banche ancora nell’occhio del ciclone. Almeno fino a domani, quando il Fondo Monetario Internazionale avrà messo a punto tutti i dettagli. Al G20 dei ministri finanziari, che prenderà il via fra ventiquattro ore a Busan, nella Corea del Sud, verrà presentata una nuova proposta di tassazione al sistema finanziario del Vecchio Continente.

 

Nulla di più è trapelato al momento sulla bozza che circola in queste ore fra le delegazioni dei ministri delle Finanze e dei governatori, che stanno arrivando alla spicciolata nella città portuale sudcoreana, dove le misure di sicurezza sono altissime, dopo le ultime frizioni con Pyongyang. Se accordo sarà, nascerà quel fondo anticrisi, capace di arginare i rischi che imcombono sulla ripresa derivanti dalle recenti turbolenze dei mercati. L’impresa si annuncia ardua, ma non impossibile.

 

Le idee sono ancora in ordine sparso: sulla proposta della tassa sulle banche sono d’accordo Canada, Australia, Gran Bretagna e Giappone, mentre altri Paesi oscillano fra la contrarietà e posizioni più dubbie. Probabile quindi secondo alcuni addetti ai lavori che il G20 si limiterà all’enunciazione di alcuni principi.

“I criteri di calcolo sono ancora incerti per quanto riguarda anche semplici voci come quella dei depositi, degli asset, della profittabilità, della leva finanziaria – osservano gli analisti di una primaria sim milanese che preferiscono mantenere l’anonimato – . L’eventuale accettazione da parte delle banche di tale tassa potrebbe aprire la strada ad un rinvio dell’applicazione di Basilea III”.


Ad aprile il Fondo aveva, infatti, presentato una prima proposta che tuttavia non era riuscita a raccogliere il consenso della comunità internazionale. Di qui è decollata la decisione di disegnare una nuova soluzione. E adesso appare essere sempre più necessario dare una risposta corale perché l’attesa ripresa potrebbe avere ancora una volta vita breve.


La crisi greca ha lanciato un monito severo per ridurre i deficit di bilancio degli Stati dell’eurozona. Lo scossone partito dal Partenone e i rischi di contagio per altri Paesi europei ha indotto le nazioni del G20 a un giro di vite sul rigore per i conti pubblici. La costituzione del fondo anti-crisi si annuncia come il primo passo per togliere dal mercato quel velo d’incertezza che troppe volte negli ultimi mesi ha sconvolto le Borse.