Tasi: ricavato da rialzo aliquote deve essere destinato esclusivamente a detrazioni (Federconsumatori/Adusbef)

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 04/04/2014 - 14:13
Consumatori sul piede di guerra dopo che ieri sera è stato bocciato un emendamento che chiedeva di allegare ai bilanci dei comuni un documento che dimostrasse l'effettiva e integrale destinazione dello 0,8 aggiuntivo alle detrazioni. "Si fa sempre più concreto il rischio che i comuni intaschino il ricavato delle maggiorazioni senza destinarlo integralmente alle detrazioni a favore delle famiglie - hanno dichiarato Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef - . Una vera e propria beffa, che colpirà soprattutto le famiglie che si trovano in difficoltà".
In assenza di detrazioni adeguate, rimarca la nota congiunta delle due associazioni dei consumatori, circa 5 milioni di famiglie che in precedenza, grazie alle detrazioni per la prima casa non pagavano alcun importo per l'IMU, ora si troveranno a pagare la TASI." Si colpisce in tal modo il potere di acquisto di un'ampia fascia di famiglie meno abbienti, che vivono in case con basse rendite catastali, specialmente nelle aree periferiche dei centri urbani - conclude la nota - Un'ipotesi intollerabile. Per questo ci auguriamo che il Parlamento imponga rigidi paletti all'utilizzo degli importi ricavati attraverso le maggiorazioni delle aliquote".


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA