1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Taglio tassi BoE: Jamaleh, “l’intervento di oggi restera’ isolato”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I pronostici sono stati rispettati. Dopo 11 mesi di stabilità la Banca d’Inghilterra oggi ha tagliato i tassi, portandoli dal 4,75% al 4,50%. L’ultimo intervento risaliva ad un anno fa ed era stato un rialzo. La banca centrale ha giustificato la decisione con il rallentamento della crescita nel primo semestre. Ma ha ammesso che vi sono alcuni segnali di ripresa dei consumi e che l’aumento delle quotazioni azionarie e la recente discesa del tasso di cambio dovrebbero fornire slancio alla crescita nei prossimi mesi. Cosa ne pensano gli analisti? “Un comunicato di questo tenore ci sembra un’indicazione che si sia trattato di un aggiustamento puramente cautelativo, guidato più dall’incertezza su tempi e dimensione della ripresa che non dal timore di un protratto o ulteriore rallentamento. Soprattutto per quanto riguarda i consumi, la variabile chiave del momento”, commenta Asmara Jamaleh, economista sui mercati valutari per Banca Intesa nella nota raccolta da Finanza.com. “La mossa odierna ci sembra che abbia avuto proprio questa funzione di convalida. E non è improbabile che la decisione di oggi non sia stata presa all’unanimità. L’interpretazione che forniamo è che molto probabilmente sia filtrata l’idea che l’intervento di oggi resterà isolato, non rappresentando dunque l’inizio di un nuovo ciclo di allentamento dei tassi”, aggiunge. “Questa è anche la nostra previsione, che giustifichiamo fondamentalmente con il nostro scenario di crescita. Crescita che si è già lasciata il punto di minimo alle spalle nel primo semestre. L’allentamento dei tassi di mercato già precedentemente, con convalida della BoE da oggi, la buona performance dell’azionario e la discesa del cambio saranno di sostegno anche alle altre componenti della crescita”.