Target price

Per target price (trad: prezzi obiettivo), in materia di finanza e investimenti, ci si riferisce al prezzo verso il quale un determinato titolo dovrebbe convergere.

Viene definito attraverso due diversi metodi di analisi:

  • Fondamentale: basata su dati di bilancio e altri indicatori legati andamento della società;
  • Tecnica: basata sullo studio del grafico del prezzo e sua conformazione.

Target price: analisi fondamentale

Con l’analisi fondamentale, il target price si ottiene dal confronto fra alcuni degli indicatori dell’azione sulla quale investire, per esempio il rapporto prezzo-utile (p/e), con i valori medi degli stessi indicatori per il mercato o settore di appartenenza.

Un esempio potrà aiutare a capire meglio il concetto: un’azione ha un p/e pari a 5, il p/e medio del settore di rifermento è invece pari a 10, il target price definito per quel titolo sarà quindi, in questo caso, il doppio del valore attuale. In altre parole: il p/e di partenza deve pareggiare il valore del p/e medio del mercato di riferimento.

Target price: analisi tecnica

Nell’analisi tecnica, il target price si ottiene proiettando in avanti nel tempo parte del grafico del prezzo che si analizza e basandosi sull’ipotesi che il prezzo del titolo prenderà una determinata direzione valutata in base alla forma che il grafico stesso avrà assunto nell’andamento passato, quindi si ipotizza una sorta di ciclo nell’andamento del prezzo.

Eni promossa da Goldman Sachs: target sale a 17 euro

Gli analisti di Goldman Sachs hanno una view positiva sul titolo Eni. Gli esperti hanno reiterato infatti il loro rating buy sull’azione quotata a Piazza Affari alzando il target price …