FTSE MIB

L’indice FTSE MIB è il più importante fra quelli presenti alla Borsa italiana. Ideato nel 2009, è l’acronimo di Financial Times Stock Exchange Milano Indice di Borsa, a indicare quella che fu, allora, la fusione fra Piazza Affari e la London Stock Exchange.

Cosa misura

L’andamento del FTSE MIB è da considerare una vera e propria cartina di tornasole per quello che è lo stato di salute del mercato italiano, rappresenta, infatti, circa l’80% della capitalizzazione del listino azionario del Paese.

Presenti nel paniere di questo indice sono le migliori 40 società italiane ed estere per capitalizzazione e liquidità. Fra le più importanti vanno ricordate: Unicredit, Intesa Sanpaolo, Fca, Telecom Italia, Eni ed Enel.

Andamento

Dopo una forte depressione, nel 2012, che ha portato il FTSE MIB al minimo storico di 12.295,80 punti, l’indice, anche grazie alla politica più elastica della BCE, è arrivato, nel 2014, a 22.502,97 punti, fino a spingersi, nel 2015, sopra i 24mila.

Su Finanza On Line l’andamento dell’indice FTSE-MIB in tempo reale: quali le imprese del settore bancario e assicurativo presenti nel paniere sulle quali investire, analisi e consigli utili per i risparmiatori.