Sydney chiude in rosso, giù i minerari

Inviato da Redazione il Ven, 29/01/2010 - 08:51
Ribassi superiori ai due punti percentuali per la Borsa australiana, appesantita dai timori sulla ripresa economica statunitense e della debolezza dei prezzi delle materie prime. A Sydney, l'indice S&P/ASX200 ha terminato gli scambi in contrazione del 2,22% a 4569,6 punti. I colossi minerari perdono terreno. Giù di oltre il 3% Bhp Billiton. Peggio ha fatto Rio Tinto che ha archiviato la seduta in calo del 4,8%.
COMMENTA LA NOTIZIA