1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Sydney chiude in forte calo, male i minerari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Chiusura in calo per la Piazza di Sydney, che ha risentito del cattivo andamento dei mercati americano ed europeo, delle preoccupazioni ventilate dalla Fed per la crescita e del crollo nei prezzi delle materie prime. L’indice S&P/ASX200 ha chiuso in perdita di 79,9 punti (-2%) attestandosi a 3.885, mentre l’indice All Ordinaries ga perso il 2,1% (-84,5 punti) a 3960,2. In concomitanza con il rafforzamento del dollaro, il prezzo dei metalli è crollato. Il rame è sceso per la prima volta in un anno sotto gli 8 mila dollari la tonnellata. I titoli minerari hanno guidato la caduta, con Rio Tinto a -5% (-11% a Londra) e BHP Billiton -3,8% (-8,3% a Londra).