1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Sull’S&P debole Bulgari, fiammata al rialzo per ST

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

All’interno dell’S&P/Mib le vendite hanno penalizzato maggiormente Bulgari, che ha chiuso in calo di poco più del 3% e che ha dovuto fare i conti con un downgrade giunto da un’importante banca d’affari. Gli analisti di Deutsche Bank hanno infatti rivisto la raccomandazione sul titolo della maison del lusso romana da “buy” a “hold”, con target price confermato a 10,50 euro. Rosso intenso anche per le due popolari di Milano (-2,26%) e Verona e Novara (-1,94%), su cui si è placata la speculazione che le aveva spinte in avanti negli ultimi tempi. Deboli anche Autostrade, Capitalia, Alleanza, Mediobanca, Mps, Unicredit, Luxottica, Snam Rete Gas e Terna, tutte con un ribasso superiore al punto percentuale. Sull’S&P ST Microelectronics ha terminato in netta controtendenza, con un balzo di quasi il 3,50%, sfruttando il buon andamento della player settoriale tedesca Infinenon, che ha beneficiato di alcuni rumor su un imminente spin-off, ma traendo spunto anche dai guadagni si alcune società statunitensi quotate al Sox. Progresso di un punto percentuale soltanto per altre due blue chip, Fiat e Lottomatica. Il titolo del Lingotto di Torino ha archiviato il giovedì a un soffio dalla barriera psicologica posta a quota 10 euro, barriera comunque violata al rialzo nel corso della sessione. Infine, dati di bilancio per Enel e Saipem, ma entrambe le azioni hanno terminato in leggera flessione. Il gruppo elettrico italiano ha archiviato il 2005 con un utile netto a 3.895 milioni di euro, in crescita del 48% dai 2.631 milioni riportati nell’esercizio precedente e con ricavi a 34.059 milioni di euro, in progresso del 9,8% da 31.011 milioni del 2004. Il gruppo attivo nel settore dei servizi petroliferi invece ha chiuso il 2005 con un utile netto di 255 milioni di euro (235 nel 2004).