1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Stoxx 600, il clima è da freddo short

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Impostazione grafica di medio periodo in bilico per lo Stoxx 600. Il paniere che raccoglie le 200 società più rappresentative per ogni categoria specifica in termini di grandezza, ossia di piccole/medie e grandi dimensioni, con il movimento ribassista intrapreso dai massimi dello scorso 31 maggio a 281,71 punti è andato a violare i supporti presenti nel range compreso tra 273,81 e 275,81 punti. Con questa flessione è stato ufficialmente completato un triplo massimo iniziato a costruire dal 20 aprile in poi. L’ultimo appiglio grafico per il paniere è rappresentato dal low dello scorso 18 aprile a 272,33 punti: chiusure sotto la soglia indicata causerebbero forti pressioni da parte dei venditori. Il minimo citato ha peraltro già ceduto, seppur a livello intraday, venerdì scorso. Il quadro tecnico peraltro vedeva già diversi spunti ribassisti: su tutti sono da segnalare la violazione della trendline di lungo periodo avvenuta lo scorso 10 marzo e quella di breve avvenuta il 17 maggio. La prima è stata tracciata con i minimi crescenti dell’1 luglio e del 30 novembre 2010, la seconda con quelli del 16 marzo e del 18 aprile. A livello operativo è quindi possibile posizionarsi in vendita a 273,80 punti. Con stop che scatterebbe a 283 punti, il primo target intermedio è a 266,45 punti, ossia all’altezza dell’obiettivo del triplo top citato in precedenza, il secondo target invece è posto sui minimi di metà marzo a 262,15 punti. Avendo le sembianze di un trend di medio è tuttavia possibile non chiudere completamente la strategia all’altezza del secondo target ma di mantenere una parte della posizione short fino alla soglia psicologica dei 250 punti.