STMicroelectronics: intesa su percorso futuro per joint venture St-Ericsson

Inviato da Daniela La Cava il Lun, 18/03/2013 - 09:43
Quotazione: STMICROELECTRONICS

Intesa raggiunta tra Ericsson e StMicroelectronics sulla via futura da percorrere per la joint venture St-Ericsson che porterà alla chiusura della jv attraverso la suddivisione di alcune attività e dei dipendenti e allo stop di altre strutture. Un annuncio accolto positivamente a Piazza Affari: in una giornata caratterizzata dalle vendite sulla Borsa Italiana (intorno alle 9.30 -2,14% per il Ftse Mib) il titolo STMicroelectronics svetta sul Ftse Mib con una crescita dell'1,28%.

Come comunicato lo scorso dicembre Ericsson e StMicroelectronics hanno lavorato insieme per raggiungere una soluzione strategica per la joint venture. "Dopo mesi di intenso lavoro congiunto, le società hanno selezionato l'opzione strategica che massimizza le rispettive prospettive future e i rispettivi piani di sviluppo" si legge in una nota congiunta.

I principali passi concordati per la suddivisione della joint venture sono: Ericsson prenderà le attività di progettazione, sviluppo e vendite dei prodotti modem sottile e multimodale Lte, compresi quelli a 2G, 3G e 4G multimodale; StMicroelectronics subentrerà nei prodotti esistenti di St-Ericsson e nelle attività ad essi associato, fatta eccezione per i modem sottili e multimodali Lte, e inoltre in alcuni impianti di assemblaggio e collaudo; e infine comincerà la chiusura per le parti rimanenti di ST-Ericsson.

Il trasferimento dovrebbe essere completato entro la fine del terzo trimestre 2013. In base agli accordi raggiunti, una volta avvenuta la separazione, Ericsson  assumerà circa 1.800 dipendenti e collaboratori esterni, in particolare in Svezia, Germania, India e Cina. È previsto che StMicroelectronics ne assuma 950, soprattutto in Francia e Italia. StMicroelectronics si attende costi compresi tra 350-450 milioni di dollari legati al processo di ristrutturazione

"In linea con quello che abbiamo annunciato l'anno scorso a dicembre, abbiamo compiuto progressi rispetto al nostro processo di uscita da ST-Ericsson e abbiamo trovato una soluzione con Ericsson perfettamente allineata con la nostra nuova strategia" ha dichiarato Carlo Bozotti, presidente e ceo del gruppo franco-italiano. "L'accordo concluso con Ericsson rappresenta un passo avanti fondamentale per raggiungere i nostri obbiettivi secondo il nuovo modello finanziario e ci permette di rafforzare ulteriormente il portafoglio di capacità professionali della nostra azienda dando il benvenuto in ST, una volta completata la transizione, a solide competenze aggiuntive che alimenteranno ulteriormente la crescita in specifiche aree fondamentali di prodotto. Inoltre, l'accordo protegge le attività di business in corso di ST-Ericsson e ci permette di utilizzarle per rinsaldare i rapporti con clienti chiave sia di ST sia di ST-Ericsson".

È stata inoltre annunciata la nomina di Carlo Ferro nel ruolo di presidente e amministratore delegato della joint venture, con effetto dal prossimo primo aprile.

COMMENTA LA NOTIZIA