1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Stm, le pessime attese sul terzo trimestre stroncano il titolo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Viaggia in deciso ribasso Stm, peggior titolo dell’intero Ftse Mib con una flessione del 9,95% a 5,79 euro. A penalizzare i corsi del maggior produttore europeo di semiconduttori sono l’andamento economico del secondo trimestre 2011 e le attese sul fronte della domanda per i prossimi mesi.

 

Il fatturato si è attestato a 2,56 miliardi di dollari, leggermente meglio del consensus che si attestava a 2,51 miliardi e dei 2,531 miliardi toccati nel 2010. Il gross margin è stato del 38,1% mentre il risultato netto è stato pari a 420 milioni di dollari, in rialzo dai 356 milioni dell’anno precedente. La perdita netta generata nel secondo trimestre da ST-Ericsson, joint venture tra il produttore di semiconduttori e la società tedesca, è dunque stata bilanciata dalle altre aree di business anche se maggiori costi operativi hanno portano ad un utile per azione al netto degli straordinari di 0,19 dollari, sotto i 0,21 dollari attesi.

 

La realtà guidata dall’Ad Carlo Bozotti ha pagato dazio al brusco rallentamento registrato in giugno legato a minori ordini da parte di uno dei maggiori clienti, la finlandese Nokia. Il calo della domanda ha spinto la società a chiudere alcuni stabilimenti. Il piano di contenimento dei costi, intrapreso già il mese scorso con l’annuncio da parte di ST-Ericsson di un obiettivo di riduzione delle spese nell’ordine dei 120 milioni di dollari all’anno, dovrebbe avere un impatto solo momentaneo sul fronte occupazionale: se il management a intenzione di ridurre la forza lavoro di 500 unità su scala globale, il Ceo Carlo Bozotti si è affrettato oggi a dichiarare come “non saranno scelte di carattere permanente”.

 

A deprimere le quotazioni del titolo contribuiscono inevitabilmente anche le deboli indicazioni sul terzo trimestre 2011: il produttore di chip prevede una fatturato nel range tra il -5% e il +2% e un gross margin del 35,5%. A livello di domanda globale di chip, la società italo francese ha detto di aspettarsi per l’esercizio in corso un andamento tra il piatto e il +5%.

 

Le revisioni al ribasso dei target price e dei rating da parte delle diverse banche d’affari non si sono fatte attendere: Exane Bnp Paribas ha ridotto la raccomandazione da neutral ad underperform, con target price passato da 9,6 a 7,9 dollari per azione. “I conti trimestrali, hanno spiegato gli analisti, sono stati inferiori alle attese e la guidance sul terzo trimestre è orribile”. La banca transalpina ha tagliato ulteriormente le stime di Eps 2011-2012 di un 20%, ricordando come “l’impatto negativo maggiore sia certamente imputabile alle difficoltà di Nokia”.

 

Anche Cheuvreux ha abbassato il rating a underperform dal precedente outperform, mentre Jp Morgan (rating neutral) la debole guidance su ricavi e margini è “decisamente sotto le attese del mercato e sotto la stagionalità”. Dal broker Usa ricordano come la stima di un fatturato nel terzo trimestre tra -5% e +2% si confronta con una “stagionalità storica di circa un +6,5% trimestre su trimestre”. Le attese del consensus erano poste a +4,4%.