1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

STM fiduciosa sul 2017 dopo buoni conti trimestrali, rimane incognita Brexit

QUOTAZIONI Stmicroelectronics
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

stm

STMicroelectronics è fiduciosa per il 2017 dopo aver riportato una buona trimestrale, anche se l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea rimane una incognita e potrebbe impattare negativamente sul contesto generale e sul business. Per l’anno in corso il leader globale nei semiconduttori prevede una crescita dei ricavi intorno al 12,5% come punto intermedio. “In considerazione delle previsioni di mercato, della tendenza positiva degli ordinativi e dell’andamento sostenuto delle vendite dei nostri distributori, siamo fiduciosi che lo slancio che ha caratterizzato la seconda metà del 2016 possa proseguire anche all’inizio del 2017”, ha affermato Carlo Bozotti, presidente e amministratore delegato di STM. Per supportare questa crescita, il gruppo investirà più di 1 miliardo di dollari nel corso dell’anno.

Tutto questo salvo i rischi imprevisti e le incertezze che dominano il futuro. Tra queste, la Brexit. “IL voto sulla Brexit e le percezioni circa l’impatto del ritiro del Regno Unito dall’Unione europea potrebbero influire negativamente sulle attività di business, la stabilità politica e le condizioni economiche nel Regno Unito, nell’Eurozona, nell’Ue e altriove – precisa STM – Anche se non abbiamo attività operative materiali nel Regno Unito e non abbiamo finora registrato alcun impatto rilevante della Brexit sul nostro business di base, non possiamo prevederne le implicazioni future”.

STM ha chiuso il quarto trimestre con ricavi in aumento dell’11,5% rispetto all’anno prima a 1,86 miliardi di dollari, e un utile netto di 112 milioni di dollari contro i 2 milioni di dollari dello stesso periodo del 2015.
Sull’intero anno i ricavi sono cresciuti dell’1,1% a 6,97 miliardi di dollari, grazie a una buona performance nella maggior parte delle famiglie di prodotto e nei mercati asiatici ed Emea. L’utile netto è salito del 58% a 165 milioni di dollari, pari a 0,19 dollari per azione, dai 104 milioni, ossia 0,12 dollari per azione del 2015.