Stm, il chip non sembra più impostato al rialzo

Inviato da Riccardo Designori il Ven, 11/03/2011 - 09:43
Quotazione: STMICROELECTRONICS
Dopo le pesanti perdite di ieri, Stm vede il suo quadro grafico deteriorato. Le azioni del gruppo italo francese hanno infatti violato al ribasso la trendline ascendente di breve tracciata con i minimi dell'11 e 24 febbraio. Il titolo in questo inizio di 2011 sembra peraltro aver perso lo smalto dell'ultima parte del 2010. I nuovi top fatti segnare lo scorso 9 marzo a 9,73 euro non hanno infatti impresso la dovuta accelerazione rialzista. Le azioni sembrano stiano completando una fase di distribuzione con la costruzione di un doppio massimo. A spingere verso questa visione anche la constatazione che in prossimità di area 9,50 euro si trovano le resistenze statiche rappresentate dai top di inizio settembre 2008. Solo qualche giorno dopo Lehman Brothers fallì, con le conseguenze che tutti conoscono per i mercati finanziari globali. Partendo da questo presupposto e in attesa di un'eventuale violazione al ribasso dei supporti di 8,85 euro, che certificherebbero la volontà ribassista del titolo, è possibile intraprendere la strada dello short con la vendita di 9,085 euro. In tal caso lo stop si avrebbe con nuovi allunghi oltre i 9,60 euro mentre il primo target è fissato a 8,12 euro. Secondo obiettivo della strategia a 7,25 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA