1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Stevens (Rba): outlook inflazione lascia spazio per nuovi tagli dei tassi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il governatore della Reserve Bank of Australia, Glenn Stevens, apre le porte a nuovi tagli del costo del denaro. “Le prospettive di inflazione lasciano spazio per più bassi tassi di interesse se si renderà necessario un nuovo supporto alla domanda”, ha detto Stevens in un discorso tenuto oggi a Sydney. In merito al recente declino del tasso di cambio, il numero uno della banca centrale australiana ritiene che abbia un senso dal punto di vista macroeconomico “e non sarebbe una grande sorpresa se nel corso del tempo si assisterà a ulteriori cali”.
Le parole di Stevens hanno spinto al ribasso il dollaro australiano ripiombato a ridosso di quota 0,9 (minimo intraday a 0,9051) rispetto al dolalro Usa, non lontano dai minimi dal 2010 toccati nelle scorse settimane.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…

COMMODITY

Petrolio: miglior settimana da inizio anno in attesa dell’Opec

Alla terza seduta consecutiva con il segno più, il Brent porta il saldo settimanale al +5,55%, il dato maggiore da inizio anno. Nuovo segno più all’ICE per il future con consegna luglio sul greggio, in aumento del 2,15% a 53,64 dollari il barile.

MERCATO VALUTARIO

Forex: dollaro scivola ancora, eur/usd a un soffio da 1,12

Nuovi minimi a oltre 6 mesi per il dollaro. Si conferma anche oggi la debolezza del biglietto verde con il cross euro/dollaro spintosi a ridosso di 1,12 (1,1197) nel pomeriggio. Un’accelerazione al ribasso per il dollaro è arrivata dopo le dichiarazi…