1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Standard & Poor’s taglia rating su Grecia. Non convincono le mosse di Atene per ridurre deficit

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Declassamento di rating per la Grecia. L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha annunciato di aver tagliato il rating di lungo termine sul Paese ellenico da “A-” a “BBB+” con Credit Watch negativo. Il rating sul debito a breve è A-2 ed è anch’esso sotto Credit Watch negativo. L’agenzia di rating rimarca che il rating potrà essere tagliato ulteriormente se non ci sarà sostegno politico all’attuazione del programma fiscale. In particolare S&P sostiene che “difficilmente le misure di taglio del deficit saranno sufficienti i una riduzione sostenibile del debito e che saranno necessari diversi anni di sforzi per riformare le finanze del Paese”. Le previsioni di S&P sono di deficit pubblico a doppia cifra per la Grecia quest’anno e il prossimo con inevitabili ripercussioni a livello di debito complessivo che è visto fino al 126% del pil nel 2010 e al 138% nel 2012.


Nella mattinata di oggi era arrivata la notizia che la Grecia era riuscita a vendere 2 miliardi di titoli a breve a tasso variabile a cinque banche, tra cui l’italiana Banca Imi (Intesa Sanpaolo), in un’operazione di private placement. Titoli che matureranno a febbraio 2015 e offerti a un rendimento di 250 punti superiore rispetto all’Euribor. Il ministro delle Finanze ellenico, Georgios Papaconstantinou, ha sottolineato che entro il primo trimestre 2010 sono in programma emissioni pari a circa il 40% del proprio debito. Per il 2010 il governo greco stima di ridurre il proprio deficit di bilancio all’8,7% del pil dal 12,7% di quest’anno.