1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

ST e Mps staccano tutti, bene anche Italcementi

QUOTAZIONI Rcs Mediagroup
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In questa prima seduta settimanale sull’S&P/Mib si sono distinte Italcementi (+2,15% a 13,30 euro), grazie a lusinghiere parole degli analisti di Merrill Lynch e anche Finmeccanica (+1,90%) e Rcs (+1,06%), pizzicate dalla speculazione. Sulla società aerospaziale è tornata la voce dell’imminente gemellaggio con la francese Thales, mentre sulla roccaforte del Corriere della Sera è ancora Stefano Ricucci a muovere il titolo. Secondo l’ultimissimo tam tam di Borsa l’odontotecnico romano sarebbe vicino alla cessione della sua quota nella holding di via Solferino. La lista dei pretendenti non manca, e nemmeno il timing. L’operazione dovrebbe concretizzarsi il prossimo mercoledì sotto la regia di Giovanni Bazoli, al prezzo di 7,7 euro ad azione. Fra gli acquirenti della quota del 20% attualmente in mano alla Magiste ci sarebbero in lista l’italo-polacco Romain Zalewsky e anche Salvatore Ligresti. Seduta brillante anche per Banca Popolare Italiana. A sostenere il titolo la pubblicazione venerdì scorso dei risultati semestrali. Il cda ha deciso accantonamenti per 350 milioni di euro legati all’offerta, poi fallita, su Antonveneta, che hanno portato il risultato netto a una perdita di 120 milioni di euro. Alcuni analisti interpellati hanno posto l’accento sul Tier1 che post Ias risultato pari all’8%. “La pulizia di bilancio appare decisamente meno devastante di quanto paventato dal mercato in questi mesi”, ha spiegato un esperto di una primaria casa d’affari. “Crediamo che i timori di un’ulteriore pulizia a fine anno possano essere ridimensionati sulla base del fatto che la pulizia fatta oggi è frutto di ispezioni di Banca d’Italia e di severi controlli della magistratura. Ma anche l’arrivo di un nuovo numero uno dovrebbe inoltre aumentare la fiducia degli investitori sul titolo”, ha aggiunto. Ottima prova di StM salita del 2,89% a 14,71 euro sulla scia del buon andamento del comparto semiconduttori. In fondo all’S&P/Mib ha arrancato Autostrade (-2,29%).