1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Spread ai minimi a due anni, asta Bot senza sussulti. Nuovo record per il debito pubblico

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Nuova discesa dello spread che si è portato ai minimi a due anni. Il differenziale di rendimento tra Btp decennale e Bund è sceso questa mattina fino a 246 punti base, livello più basso dal luglio del 2011, dando così seguito al movimento delle ultime settimane sostenuto principalmente dalle attese di ripresa per l’economia italiana nella seconda metà dell’anno.
Oggi intanto è stato il turno dell’unica asta di metà mese (il Tesoro ha annullato quella di domani per mancanza di esigenze di cassa) che ha visto l’assegnazione di Bot annuali per 7,5 mld al rendimento dell’1,053%.

Bot annuali allocati all’1,053%, domanda stabile
Il Tesoro italiano ha collocato oggi Bot annuali per 7,5 miliardi di euro. La prima asta di agosto ha visto l’allocazione dei titoli di Stato a 12 mesi al rendimento medio dell’1,053% che si confronta con l’1,078%% fatto segnare nell’asta di titoli di analoga durata tenuta lo scorso mese e che rappresentava il livello più alto da marzo ed era arrivata all’indomani del taglio di rating sull’Italia deciso da Standard & Poor’s.
Il rendimento di assegnazione del Bot annuale risulta ancora lontano dal minimo storico toccato lo scorso maggio (0,7%).
Si mantiene sostanzialmente stabile la domanda con le richieste che hanno superato il quantitativo offerto di 1,49 volte rispetto al bid-to-cover di 1,56 fatto registrare nell’asta di luglio quando però furono allocati anche Bot flessibili a 160 giorni per 2,5 mld di euro oltre a Bot annuali per 7 mld. Il 14 agosto scadranno Bot a un anno per 8,2 miliardi.

Come di consueto il Tesoro ha deciso di alleggerire ad agosto il programma di aste annullando quella di titoli a medio-lungo termine in programma domani. Prossimo appuntamento sarà a fine mese con le aste di Ctz-Btpei, Bot semestrali e Btp tra il 27 e il 29 agosto.

Debito pubblico aggiorna record a giugno, balzo delle entrate tributarie
Nuovo record per il debito pubblico italiano. Secondo i dati Bankitalia a giugno il debito pubblico si è attestato a 2.075,1 miliardi di euro, in rialzo di 600 milioni rispetto ai 2.074,5 miliardi di maggio. Sempre a  giugno le entrate tributarie si sono attestate a 46,3 miliardi di euro, in crescita del 21,5% (8,2 miliardi di euro) rispetto ai 38,1 miliardi di euro dello stesso periodo dello scorso anno.Nel primo semestre le entrate tributarie hanno raggiunto a 189,4 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 180,1 miliardi dei primi sei mesi del 2012.