1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Sponda Bce a proposta Monti di acquisto bond tramite fondo salva-stati

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Nonostante la frenata di ieri da parte della Commissione europea, che ha negato l’esistenza di un piano o di una richiesta formale, continua a tenere banco la proposta Monti legata alla possibilità di alleviare le tensioni sui titoli di stato di Spagna e Italia utilizzando le risorse del fondo salva-stati per acquistare bond sul mercato secondario. Il portavoce di Olli Rehn ha definito la proposta italiana un “paracetamolo finanziario” non in grado di risolvere le cause strutturali della crisi del debito. Da parte della Germania non c’è stata una chiusura a priori con la cancelliera Angela Merkel che ha sottolineato come si tratti di una opzione teorica prevista dal meccanismo del fondo Efsf, anche se al momento non ci sono sul tavolo piani concreti.
Coeure (Bce): sarebbe mossa utile ad allentare pressione sugli spread
La possibilità di acquisto di bond attraverso il fondo salva-stati trova posto, per il secondo giorno consecutivo, nella prima pagina del Financial Times che raccoglie un parere favorevole di un esponente della Bce. Benoit Coeure, economista francese di spicco e da quest’anno membro del Comitato esecutivo della Banca centrale europea, ritiene valida l’idea lanciata dal premier italiano Mario Monti di utilizzare il fondo salva-stati Efsf per alleviare le tensioni sul mercato dei titoli di stato. Parlando al quotidiano britannico l’esponente della Bce ha precisato che la mossa sarebbe utile ad allentare la pressione sugli spread e l’istituto centrale europeo appoggerebbe una mossa del genere poiché gli attuali costi di rifinanziamento del debito per Paesi come Spagna e Italia sono eccessivi e non riflettono i loro fondamentali. Coeure ha anche parlato della possibilità di una politica monetaria più espansiva da parte della Bce attendendosi che nella prossima riunione di luglio della Bce si discuterà della possibilità di tagliare i tassi.
Domani se ne discuterà a vertice di Roma (anticipato per permettere a Merkel di seguire Germania-Grecia)
La proposta di acquisti di bond sul secondario attraverso il fondo salva-stati, lanciata da Mario Monti a margine del vertice G20 tenuto a inizio settimana in Messico, non appare ancora all’ordine del giorno anche se probabilmente domani sarà rilanciata dallo stesso premier italiano, coadiuvato da Francia e Spagna che da subito hanno ritenuto valida l’idea lancata da Monti, nel corso del vertice quadrilaterale previsto a Roma. Vertice che è stato anticipato di qualche ora per permettere alla cancelliera tedesca di assistere in serata al match di quarti di finale degli Europei tra Germania e Grecia. Il vertice voluto da Monti prevede la presenza della cancelliera tedesca Angela Merkel, del presidente francese François Hollande e del primo ministro spagnolo Mariano Rajoy è stato anticipato a metà giornata con la conferenza stampa finale che dovrebbe essere alle 16 circa rispetto alle ore 20 previste originariamente.