1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

La speculazione rilancia la campagna di Russia di Unicredit, ma gli analisti ci credono poco -1

QUOTAZIONI Unicredit
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’aumento delle richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti porta gli operatori a muoversi con prudenza sui mercati continentali. Dopo la chiusura in rosso di Wall Street, le principali piazze europee hanno aperto leggermente sotto la parità e continuano a scambiare in territorio negativo. Francoforte cede lo 0,21%, Parigi lo 0,03% e Londra lo 0,11%. A penalizzare i mercati restano poi le persistenti preoccupazioni per la crisi del debito della zona euro. “Gli investitori stanno ancora facendo una valutazione dello stato del mercato del lavoro negli Stati Uniti e la situazione del debito sovrano europeo è ancora sullo sfondo”, segnala Keith Bowman, analista di Hargreaves Lansdown. “Ieri abbiamo avuto un’asta di titoli di stato spagnoli ragionevolmente favorevole ma non credo che le difficoltà spariranno”. “Il 2011 sarà l’anno dell’impensabile”, si domanda invece Jim Reid strategist di Deutsche Bank. “Quest’anno sarà il quinto anno in cui gli effetti della crisi finanziaria si faranno sentire. Se le authority hanno già sparato tutte le loro cartucce a disposizione contro la crisi, il 2011 sarà un anno duro per tutte le asset class – avverte l’esperto tedesco -. Il sistema finanziario continua a rimanere molto fragile”.