Lo spauracchio dell'aumento di capitale fa terra bruciata attorno a Bnl

Inviato da Redazione il Lun, 18/10/2004 - 13:28
Quotazione: BNL RP NC *
Seduta di passione per Bnl. Il titolo dell'istituto di via Veneto continua a navigare in un mare di vendite (-1,97%), passando di mano a quota 1,82 euro. Vivaci i volumi: sono, infatti, già passati di mano 12 milioni di pezzi contro una media giornaliera delle ultime trenta sedute pari a 18,9 milioni di pezzi. Lo spauracchio dell'aumento di capitale fa terra bruciata attorno a Bnl. Voci di stampa ripropongono che l'operazione sarebbe in arrivo: il consiglio di amministrazione della banca dovrebbe approvare l'aumento di capitale da un miliardo di euro in occasione della riunione in agenda prevista per il prossimo 5 novembre. "Ai prezzi correnti questo dovrebbe implicare l'emissione di circa 450 milioni di nuove azioni ovvero circa il 25% di quelle attualmente in circolazione. L'operazione consentirebbe alla banca di neutralizzare l'impatto sul patrimonio netto derivante dalla transizione agli ias e, probabilmente, consentirebbe anche una riduzione del livello di accantonamenti", sostengono ad AbaxBank. Una notizia che fa tremare l'azione in Borsa. "Se dovesse andare in porto l'aumento di capitale di cui sopra, per i membri del contropatto si profilerebbe una necessità di dover sottoscrivere la quota di loro spettanza per scongiurare gli effetti diluitivi impliciti nell'operazione", spiegano gli esperti di AbaxBank che mantengono il rating market perform con un target price in area 2,15 euro. A rincarare la dose ci ha pensato poi Bbva. I soci spagnoli partner di Bnl avrebbero infatti mandato un ultimatum alla Banca d'Italia, minacciando l'uscita dal capitale dell'istituto romano. La richiesta è sempre la stessa il lasciapassare per aumentare la quota dall'attuale 15% fino al 20%.
COMMENTA LA NOTIZIA