Spagna: il governo mancherà i target di riduzione deficit, la disoccupazione non è così grave come sembra (commento analisti)

Inviato da Floriana Liuni il Gio, 31/05/2012 - 15:47
La Spagna si è lasciata alle spalle la parte peggiore della recessione? Non è così, per gli analisti di Morgan Stanley, che in una nota diffusa oggi hanno comunicato la loro view pessimistica per il secondo semestre 2011, visto ancora in forte contrazione. "Crediamo che il governo eseguirà la propria agenda in materia fiscale, ma che comunque mancherà gli obbiettivi di riduzione del deficit", si legge nel report. Quanto alla disoccupazione iberica, ora il doppio della media europea, secondo la banca d'affari americana non dovrebbe ulteriormente peggiorare, ma è anche difficile una sua riduzione. "Le cifre dell'ufficio nazionale di statistica parlano di un 25% di disoccupazione, ma la situazione potrebbe essere migliore" osservano gli analisti. Questo perchè il sommerso rappresenterebbe circa un quinto dell'economia spagnola, il che significa che molti di coloro che si professano disoccupati in realtà percepiscono comunque un reddito, e il tasso dei dosoccupati effettivi potrebbe essere molto più basso di quello ufficialmente conosciuto. Resta il fatto che la Spagna soffre di un alto tasso di disoccupazione strutturale, che rende comunque necessarie riforme in questo senso.
COMMENTA LA NOTIZIA