Spagna continua a essere ben comprata

Inviato da Riccardo Designori il Gio, 17/01/2013 - 11:57
Continua ad approfittare del momento positivo del mercato governativo la Spagna, con Madrid che oggi ha emesso poco più di 4,5 miliardi di euro di titoli su scadenze 2015, 2018 e 2041. I rendimenti medi sono scesi soprattutto sulla parte più a breve della curva, con una domanda solida sul titolo 2018.

L'asta è stata ancora una volta positiva, ma sicuramente non ha replicato il successo della scorsa settimana. La decisione del Tesoro di tornare sul mercato a distanza di una settimana è stata dettata dal favorevole clima che c'è sul mercato governativo nella periferia dell'eurozona.

Medesime scelte sono state fatte dal Tesoro italiano che ha visto emettere via sindacato il nuovo Btp con ordini pari a 11 miliardi di euro. In asta la Spagna continua a essere comprata meglio dell'Italia e questo per via delle pressioni negative arrivate nella seconda metà del 2012 su una possibile richiesta di aiuti da parte di Madrid. In ogni caso il Paese non può dirsi fuori dalla crisi e questo scenario potrebbe presto tornare a capovolgersi.

Il mercato non ha reagito bene con gli indici che hanno ridotto i guadagni dopo i risultati. Probabilmente gli operatori si aspettavano un risultato simile e qualcuno credeva forse che sarebbe stato bissato il successo di giovedì scorso. Tra le valute, l'euro/dollaro si è portato in area 1,3360 in apertura in Europa ed è rimasto pressoché stabile dopo l'asta. Oggi pomeriggio gli occhi saranno puntati ai conti di Bank of America e Citigroup, attesi positivi dopo quelli di JP Morgan, Goldman Sachs e Intel.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA