1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Rating ›› 

S&P’s boccia anche la Spagna: taglio del rating e outlook negativo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo Grecia e Portogallo, è la Spagna a finire sotto la scure di Standard & Poor’s, che ha portato il rating sul paese iberico da “AA+” ad “AA”. L’agenzia ha motivato il taglio con la previsione che la flebile crescita dei prossimi anni andrà ad indebolire la posizione fiscale del paese. “La stagnazione in cui si trova l’economia spagnola durerà più di quanto avevamo previsto in precedenza” hanno precisato da S&P’s; la Spagna sta passando da “un modello di crescita basato sul credito verso un periodo di stagnazione”.

Il downgrade riflette la revisione delle proiezioni di crescita economica. Il Pil dovrebbe avanzare tra il 2010 ed il 2016 dello 0,7%, rispetto al +1% precedentemente stimato. Bisognerà quindi attendere il 2015, e non il 2013, per rivedere il Pil ai livelli del 2008. Con una crescita azzoppata a risentirne saranno prima di tutto le entrate fiscali, il cui calo renderà più arduo il rimborso del debito.

A penalizzare il paese iberico la scarsa competitività sui mercati internazionali, l’indebitamento privato e la rigidità del mercato del lavoro. L’outlook sul rating è negativo, con la possibilità di ulteriori downgrade qualora la situazione dovesse peggiorare.