S&P 500, il doppio massimo è quasi stato interamente sfogato al ribasso

Inviato da Riccardo Designori il Mer, 03/08/2011 - 16:18
Quotazione: S&P 500
Il violento movimento ribassista intrapreso dall'S&P 500 dai top intraday dello scorso 22 luglio a 1.346,10 punti potrebbe essere vicino al termine, almeno nel breve periodo. Le quotazioni del paniere Usa si sono infatti portate in prossimità dei supporti statici presenti a 1.249,05 punti, minimo del 16 marzo. Oltre all'importanza strategica e psicologica del livello appena menzionato, l'area compresa fino ai 1.235 punti comprende altri elementi tecnici in grado di far ripartire al rialzo l'indice. Su tutti va segnalato il transito a 1.235,29 punti della trendline ascendente ottenuta con i minimi dell'1 luglio e del 27 agosto 2010. A questo si aggiunga il fatto che a 1.235,36 punti si completerebbe l'estensione ribassista del doppio massimo costruito a cavallo tra il 29 giugno e il 29 luglio. Partendo da questi presupposti, ed evidenziando come tuttavia trattandosi di una strategia contrarian il rischio di insuccesso è maggiore, è possibile posizionarsi in acquisto a 1.240 punti. Con stop che scatterebbe inevitabilmente a 1.205 punti, il primo target è a 1.267 punti mentre il secondo è a 1.294 punti.
COMMENTA LA NOTIZIA