1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Sorgenia (Cir): Orlandi, decisione su ingresso mercato residenziale non ancora presa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si avvicina per le società energetiche la scadenza del luglio 2007, data a partire dalla quale sarà realtà la liberalizzazione del mercato elettrico. Un’opportunità soprattutto per chi vuole attaccare il mercato residenziale cercando di scalfire le posizioni dominanti degli operatori leader a livello nazionale e locale. Resta alla finestra Sorgenia (ex Energia spa), la società energetica del gruppo Cir. “Una decisione circa il possibile ingresso sul mercato residenziale non è stata ancora presa”, ha risposto a Finanza.com Massimo Orlandi, amministratore delegato di Sorgenia, a margine della presentazione del primo Report ambientale curato dalla società che ha come azionista di riferimento anche l’austriaca Verbund. Un mercato da oltre 30 milioni di potenziali clienti che non lascia indifferente la società attiva anche nel campo delle energie rinnovabili. “Molto dipende dal sistema di regole che accompagnerà la liberalizzazione del mercato”, ha aggiunto Orlandi. Il numero uno di Sorgenia ha dato appuntamento a primavera per la presentazione del nuovo piano industriale.

Commenti dei Lettori
News Correlate
CRISI SPREAD

Rendimento Btp, la salita non è finita

Il rendimento dei titoli di Stato italiani è stato messo sotto pressione nella passate settimane, dopo la formazione del governo guidato dal premier Giuseppe Conte e sostenuto da una maggioranza …

ACQUISIZIONE

Banca Sistema: acquisita partecipazione in ADV Finance

Banca Sistema ha perfezionato l’acquisizione del 19,90% del capitale sociale di ADV Finance, società che offre servizi completi nell’ambito dell’erogazione di prestiti personali sotto forma della cessione del quinto dello …

STRAPPO AL RIBASSO

Stm affonda insieme ai tecnologici Usa

Il convinto sell-off del settore tecnologico penalizza oggi Stm che si avvia a chiudere sui minimi di giornata. Il titolo del colosso dei chip cede oltre il 4 per cento …