Société Générale, accusata di tangenti da fondo libico

Inviato da Valeria Panigada il Lun, 31/03/2014 - 15:18
Il fondo sovrano libico, Libyan Investment Authority (Lia), ha presentato all'Alta Corte di Londra una denuncia contro la banca francese Société Générale, accusandola di aver pagato tangenti a favore di società riconducibili a Saif al-Islam Gheddafi, figlio del defunto colonnello Gheddafi. Lo riportano diversi organi di stampa, precisando che la richiesta di risarcimento è pari a 1,5 miliardi di dollari, pari a 1,09 miliardi di euro. Le operazioni finanziarie contestate, che hanno generato forti perdite per la Lia, sarebbero avvenute tra il 2007 e il 2009.
COMMENTA LA NOTIZIA