1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Short interest e Apple: è il titolo più shortato al mondo insieme ad altre due azioni

Nell’arco delle ultime tre sessioni, il titolo del colosso abbia perso più del 6% rispetto al massimo testato a $156 nel mese di maggio.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Apple e Tesla fanno parte del club dei titoli più shortati al mondo. Lo rivela uno studio messo a punto dalla società finanziaria S3 Partners, che monitora il valore degli short interest sulle azioni.

Apple: il report sugli short interest sul titolo

Gli short interest rappresentano la quantità delle azioni che sono state shortate da singoli individui, professionisti e istituzioni che includono market makers e specialist. Di norma, gli investitori fanno ricorso a tale parametro per fare previsioni sulla direzione di un particolare titolo azionario, e per misurare il sentiment rialzista o ribassistaverso il mercato, nel suo complesso.

Gli short interest più in generale sono quei titoli venduti allo scoperto, le cui posizioni non sono state ancora chiuse.

Stando al report, che viene pubblicato tra l’altro proprio mentre aumentano i timori sui titoli tecnologici scambiati sul Nasdaq, e in particolare sull’acronimo FAAMG dopo l’alert di Goldman Sachs, gli short interest sul titolo Apple hanno testato quota $9,1 miliardi in data 9 giugno, ovvero lo scorso venerdì.

Apple: titolo più shortato dopo Alibaba e Tesla

Apple – che fa parte tra l’altro della categoria FAAMG ma anche FANG – è al terzo posto tra i titoli più shortati al mondo, dopo Tesla, che ha short interest per un valore di $10,5 miliardi.

Ma il titolo più shortato al mondo in assoluto, in base agli ultimi aggiornamenti di S3 Partners, è Alibaba: in questo caso gli short interest, sempre in data venerdì 9 giugno, si attestavano al valore di $16,7 miliardi.

Ihor Dusaniwsky, responsabile della divisione di ricerca di S3, spiega che l’incremento più forte degli short interest si è verificato a partire dal mese di aprile, quando le posizioni di vendita allo scoperto sono cresciute di $2,3 miliardi in meno di sei settimane.

Allo stesso tempo, il trend dei volumi di posizioni short è in calo da più di un anno.

Apple: valore mercato -$60 miliardi in due sessioni

Nell’arco delle ultime tre sessioni, Apple ha perso più del 6% rispetto al massimo testato a $156 nel mese di maggio. L’ondata ribassista ha subito una forte accelerazione lo scorso venerdì, ed è costata alle quotazioni una perdita del 3,9%.

In termini di capitalizzazione, il sentiment negativo ha portato Apple ad assistere a una perdita del valore di mercato pari a quasi $60 miliardi in due giorni appena.

L’azione rimane tuttavia in rialzo di ben +26% dall’inizio dell’anno, outperformando in modo netto il guadagno dell’indice S&P 500, pari a +8,5% nello stesso arco temporale. Tesla, assediata dalla lotta tra rialzisti e ribassisti dal 2014, è balzata del 68% quest’anno.