Shepherdson: il declino dei nuovi cantieri riguarda il "volatile" settore multifamiliare

Inviato da Redazione il Mar, 16/03/2010 - 15:22
A febbraio negli Stati Uniti i nuovi cantieri sono diminuiti del 5,9% a 575 mila unità, segnando il maggior calo degli ultimi quattro mesi. D'altra parte è stato invece rivisto al rialzo il dato di gennaio, mese in cui i nuovi cantieri sono saliti del 6,6% e non del 2,8% come inizialmente previsto. Il dato di oggi è peggiore del consensus degli analisti. "Quasi tutto il declino dei nuovi cantieri riguarda il settore multifamiliare estremamente volatile, mentre l'attività unifamiliare non ha subito grandi variazioni" commenta Ian Shepherdson, capo economista della High Frequency Economics. "Ci aspettavamo che il clima rigido sulla costa orientale avesse spinto al ribasso l'attività in modo acuto, seppur temporaneamente. Invece sembra che le condizioni climatiche avverse, sul settore unifamiliare siano state compensate da guadagni realizzati altrove. I costruttori non hanno avuto abbastanza inventari di piccole case per trovare il massimo vantaggio dal credito iniziale; essi non vogliono perdere ancora".
COMMENTA LA NOTIZIA