Shepherdson: crescita fiducia non implica ripresa della spesa dei consumatori

Inviato da Marco Berton il Mar, 26/01/2010 - 17:19
L'indice di fiducia dei consumatori statunitensi calcolato dal Conference Board è balzato a gennaio a 55,9 punti dai 52,9 di dicembre, dato ampiamente superiore ai 53,5 punti del consensus. Secondo Ian Shepherdson il dato rappresenta una piccola sorpresa positiva visto che questa statistica continua a mostrare una marcata debolezza. Il capo economista della High Frequency Economics sottolinea come il rialzo di gennaio sia stato possibile in gran parte grazie al netto miglioramento delle condizioni correnti, una lettura soggetta a elevata erraticità. Di contro la voce aspettative, che secondo l'economista rappresenta la voce più attendibile per comprendere le evoluzioni future, è cresciuta solo marginalmente di 0,6 punti a quota 76,5. "L'indice - conclude Shepherdson - è ben lontano da valori superiori ai 100 punti che indicherebbero un reale segnale di ripresa da parte della capacità di spesa dei consumatori".
COMMENTA LA NOTIZIA