I settori che assumono: risalgono l'industria e la cultura (Unioncamere)

Inviato da Redazione il Mer, 12/01/2011 - 11:17
Il settore manifatturiero italiano si è rimesso in moto. Lo dimostra l'ultimo aggiornamento dell'indagine Excelsior di Unioncamere e del ministero del Lavoro che indica come le assunzioni dell'industria abbiano raggiunto quota 14.600 unità nell'ultimo trimestre del 2010, pari al 21% delle entrate totali, oltre 3 punti percentuali in più di quanto previsto nel terzo trimestre dell'anno. In particolare, risultano più evidenti gli incrementi del "sistema moda" e dell'industria dell'elettronica, più penalizzati dalla crisi occupazionale dei mesi scorsi. A queste si aggiungono le maggiori entrate programmate nell'ultimo trimestre dell'anno rispetto a quello precedente da parte delle imprese dei beni per la casa, che vanno a compensare il rallentamento di entrate di altri settori della manifattura. Un altro aspetto interessante che emerge dall'analisi è la richiesta occupazionale che proviene dall'istruzione, dai servizi ricreativi e culturali e dal mondo dell'editoria, dove, infatti, si registra l'incremento più rilevante delle entrate rispetto agli ultimi trimestri. La volontà delle imprese tricolore di reagire alla congiuntura puntando sulla qualità e sull'innovazione si può rintracciare nella forte richiesta di professioni specialistiche e tecniche. Le prime hanno raggiunto, secondo l'indagine, l'11% delle assunzioni programmate nell'ultimo trimestre dell'anno, mentre tra le seconde spicca una maggiore domanda di tecnici nel marketing e nelle vendite e di tecnici dell'insegnamento e dei servizi alle persone.
COMMENTA LA NOTIZIA