1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Settore minerario Uk, Ing taglia le stime ma vede upside del 35-62%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Come spiegano gli analisti di Ing in un rapporto, a seguito dell’intensificarsi delle tensioni legate al credit crunch e dell’uscita degli hedge fund, molti dei quali detenevano massicce posizioni sulle commodity e sulle azioni del mining, il settore minerario britannico nelle ultime settimane di Borsa è stato messo parecchio sotto pressione. “Anticipiamo – affermano gli analisti della banca d’affari olandese – ulteriore volatilità e la possibilità concreta di addizionale debolezza di breve termine, ma crediamo che più ci avviciniamo al 2009 e più la domanda dei principali paesi emergenti e le sfide in corso dal lato dell’offerta riprenderanno a spingere in avanti i prezzi”. Ciò non toglie che da Ing abbiano deciso, considerato il momento per i prezzi delle commodity e i tassi di cambio, di ridurre le proprie stime di utili nonché i prezzi obiettivo delle società del settore.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Petrolio stabile in attesa del meeting Opec

Stabili le quotazioni del petrolio in attesa del meeting Opec di domani. Questa mattina il prezzo del Wti (riferimento americano) mostra un leggero rialzo dello 0,25% a 51,61 dollari al barile, mentre il Brent (riferimento europeo) si mantiene sopra …

COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…