Settore media: Goldman Sachs alza la view da neutral ad attractive

Inviato da Redazione il Lun, 11/07/2005 - 17:28
Quotazione: MEDIASET
Sarà l'aria d'estate. Sarà la voglia di cambiare. Anche piazza Affari subisce il fascino della rotazione settoriale. Oggi gli analisti di Goldman Sachs hanno annusato l'aria: dando un'occhiata al listino milanese hanno deciso di ridare fiducia a un comparto messo nel cassetto per diversi mesi, colpa del risiko bancario e della corsa bollente intrapresa dal greggio. Il settore scelto è quello dei media. Gli esperti hanno alzato la propria view sui media europei da neutral ad attractive. Il motivo? "Agli attuali livelli il comparto offra delle valutazioni interessanti. Su base relativa del P/E 2005 il comparto sta scambiando a 0,9 volte rispetto a una media storica di 1,1 volte", rispondono nella nota gli analisti. E se invece il metro di comparazione diventa il rendimento del free cash flow le sorprese non finiscono: secondo i calcoli di GS il comparto sembra infatti ancor meglio valutato al 6,6% sul 2006, in linea con il mercato in generale, ma con valutazioni migliori di molti sub-settori ciclici come il retail o il lusso. "Ci aspettiamo una ripresa dell'economia che aiuterà certamente il comparto media, in particolare quei titoli che sono guidati dall'andamento pubblicitario. Notiamo infatti che la pubblicità è legata alla spesa delle società, ai nuovi prodotti, alle spese per investimenti e alla fiducia delle imprese", snocciolano gli esperti. Tra le top picks del broker figura anche Mediaset. "L'Italia resta uno dei mercati più dinamici per la raccolta pubblicitaria televisiva in Europa nel 2005 vista la bassa correlazione con il Pil. Mediaset beneficerà dei programmi pianificati per il secondo semestre sotto il profilo dello share. E ancora il digitale terrestre sarà un forte driver per la crescita dell'Eps, grazie alla maggiore redditività della pay per view e al minore deprezzamento delle spese per investimenti di rete", elencano gli esperti di Goldman Sachs per provare la loro tesi. Il giudizio per il Biscione non può che essere outperform (titolo che farà meglio del mercato).
COMMENTA LA NOTIZIA