Settore high tech in rosso in Europa, pesano le indicazioni di Dell

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 17/08/2011 - 11:42
Il comparto tecnologico è il peggiore in Europa, appesantito dalle indicazioni arrivate nella notte da Dell. Lo Stoxx Europe 600 technology cede oltre due punti percentuali, facendo peggio del settore tecnologico. Tra i ribassi maggiori spiccano quelli di United Internet e Software che cedono tra il 5-6%. Semaforo rosso anche per l'olandese Asml che perde il 2,9%. A Piazza Affari Stmicroelectronics indietreggia dell'1,2%, mentre a Francoforte Infineon segna un -3,4%.

Il mercato non ha gradito i numeri snocciolati da Dell a livello di ricavi. Il big Usa dei pc ha annunciato di avere archiviato il secondo trimestre con un giro d'affari in rialzo, passato da 15,53 a 15,66 miliardi di dollari. In crescita sì, ma inferiore alle stime del mercato pari a 15,75 miliardi. Deludente anche il dato relativo il trimestre in corso: secondo le previsioni rilasciate dalla società i ricavi non dovrebbero far registrare variazioni nel confronto con il dato precedente. Per quanto riguarda l'intero esercizio Dell prevede, invece, vendite in crescita tra l'1-5%. La previsione precedente indicava una crescita compresa tra 5-9%. A poco sono servite le indicazioni positive a livello di utili. Nel periodo in esame i profitti di Dell sono infatti saliti a 890 milioni di dollari dai precedenti 545 milioni registrati un anno fa. Il risultato per azione si è attestato a 48 centesimi, con il dato rettificato a 54 centesimi, +5 centesimi rispetto alle attese.

Oltre ai numeri snocciolati da Dell, dati poco rassicuranti per il mercato dei pc sono arrivate questa mattina da Gartner. Secondo i dati diffusi oggi dalla società di ricerca le vendite di pc nell'Europa occidentale hanno segnato una contrazione del 18,9% nel secondo trimestre 2011, scivolando a quota 12,7 milioni di unità.
COMMENTA LA NOTIZIA