1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Rating ›› 

Settore costruzioni europeo: Credit Suisse boccia Holcim

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Credit Suisse punta i riflettori sul settore delle costruzioni europeo, considerando le potenziali implicazioni di un rallentamento dell’economia cinese. Gli analisti della banca svizzera partono da una considerazione: il comparto delle building materials & construction nel Vecchio continente ha una esposizione davvero limitata verso l’ex Celeste impero. Tuttavia, Credit Suisse mettono in evidenza alcuni potenziali rischi legati alla rallentamento in altre economie emergenti nel caso in cui la Cina frenasse, come ad esempio l’Australia, il Brasile, il Sudafrica, ma anche il Giappone. Lafarge, HeidelbergCement e Holcim hanno rispettivamente un’esposizione pari al 9%, 13% e 18% a questi Stati. Tra i singoli titoli Credit Suisse ha puntanto il dito contro Holcim che ha visto la sua raccomandazione scendere a “neutral” da “outperform”. Nonostante la bocciatura il titolo del gruppo svizzero delle costruzioni sale dell’1,2% a 52,35 franchi.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Salini Impregilo: S&P conferma rating a BB+, outlook stabile

Standard & Poor’s ha confermato il giudizio su Salini Impregilo, con rating fermo al gradino BB+ e outlook stabile. L’agenzia statunitense ha spiegato che il portafogli ordini del gruppo permette di avere una visibilità dei ricavi futuri molto import…

RATING

Creval: Fitch taglia rating, outlook è negativo

Fitch Ratings ha ridotto il rating a lungo termine del Credito Valtellinese a “BB-“ da “BB” e il Viability Rating a “bb-“ da ”bb”, già posti sotto osservazione con implicazioni negative lo scorso 24 marzo. L’outlook è negativo.

INVESTIMENTI

Italia: ancora cautela su ritorno incertezza politica (analisti)

Prudenza sull’Italia. E’ il consiglio di Gilles Guibout, responsabile investimenti Equity Europa di AXA Investment Managers: “Il potenziale ritorno dell’incertezza politica in Italia suggerisce cautela”. Secondo l’esperto, l’andamento del mercato, so…