1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Settore chimico sotto la lente di Citi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Citi punta i riflettori sul settore chimico. In una nota diffusa oggi l’ufficio studi della banca americana conferma la valutazione negativa sui titoli del comparto chimico a livello globale, sostenendo che il recente rally rappresenta un interessante momento di uscita. “Crediamo che un’accesa competizione eroderà i profitti e la generazione di casa nel secondo trimestre 2009 e nel 2010 nonostante uno scenario più stabile per la domanda”, osserva il broker che in Europa consiglia di vendere (sell) il titolo Basf, Lanxess, Clariant e Arkema. Oltreoceano la view di Citi è neutrale: invariata la raccomandazione “hold” su Dow Chemical, Nova e Celanese e Huntsman.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…

COMMODITY

Petrolio: miglior settimana da inizio anno in attesa dell’Opec

Alla terza seduta consecutiva con il segno più, il Brent porta il saldo settimanale al +5,55%, il dato maggiore da inizio anno. Nuovo segno più all’ICE per il future con consegna luglio sul greggio, in aumento del 2,15% a 53,64 dollari il barile.