1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Settore bancario: Cibati, quest’anno il ponte levatoio andra’ giu’

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il ponte levatoio sulle banche italiane presto sarà abbassato. In molti se lo auspicavano l’anno passato, in molti se lo auspicano per l’anno appena iniziato. Tra questi ottimisti c’è anche Enrico Cibati, responsabile investimenti di Banca Finnat. “Con il cambio della guardia a Palazzo Koch questa ipotesi potrebbe presto diventare realtà. Mario Draghi, il nuovo governatore, è infatti un uomo internazionale e questo lascia supporre a un’apertura del settore”, spiega l’esperto interpellato da Finanza.com. “Se è vero che le banche italiane fanno gola a molti operatori esteri come diceva Fazio e complice anche il rialzo appena iniziato dei tassi in Europa è possibile scommettere su un’ascesa delle quotazioni degli istituti almeno nei prossimi sei mesi”, continua. Tra le nostre lillupuziane e ambite banche un posto di riguardo se lo aggiudicano nella top ten di Cibati SanPaolo Imi e Banca Intesa. “Sono gli istituti di maggiori dimensioni che vanta l’Italia”, sostiene l’esperto. “Quindi è presumibile ipotizzare che se una banca estera grande punterà sulla Penisola cercherà di mettere le mani su un istituto di dimensioni grandi, non medie-piccole. I giochi più grandi si faranno sulle grandi”. E in effetti SanPaolo ha nel suo capitale i temutissimi spagnoli del Santander mentre Banca Intesa i francesi del Credit Agricole. Unicredit invece nelle previsioni del gestore veste più il ruolo del cacciatore e non quello della preda.