1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Settore auto tonico in Borsa in scia a taglio dell’Iva in Cina

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le case automobilistiche mondiali vedono la luce, dopo le forti vendite che hanno caratterizzato tutto il settore a causa dello scandalo dieselgate di Volkswagen. Il governo cinese ha infatti annunciato un dimezzamento dell’Iva sull’acquisto di nuove auto di piccola cilindrata. La manovra riguarda i veicoli con cilindrata inferiore a 1.600 cc, per i quali la tassazione passa quindi dal 10 al 5%. La misura entrerà in vigore dal 1 ottobre e durerà fino alla fine del 2016 coinvolgendo anche le vendite di veicoli elettrici.

La misura adottata dalla Cina suona come un nuovo ed ulteriore stimolo all’economia interna, considerando che l’industria dell’auto contribuisce per più del 10% al prodotto interno lordo cinese e che il settore è reduce da 5 mesi consecutivi di cali delle vendite.

A beneficiare subito della notizia la totalità del comparto auto mondiale, a partire dalle case automobilistiche asiatiche che hanno chiuso questa mattina con forti guadagni (Great Wall Motor ha guadagnato il 19,7% a Hong Kong). Sul fronte europeo a beneficiare della notizia è l’intero comparto auto: spicca Volkswagen, che attualmente guadagna il 2,54%, produce cinque dei dieci modelli più venduti al mondo nella categoria dei veicoli a piccola cilindrata; molto bene anche Peugeot (+5,24%), Bmw (+3,03%) e Renault (+2,5%). L’Eurostoxx 600 auto guadagna 3,14 punti percentuali.