1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Settore aereo in panne in Europa, pesa revisione al ribasso stime su utili 2011

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il settore aereo non decolla in Europa dopo le indicazioni arrivate da Iata. Performance deludenti confermate dall’andamento dello Stoxx Europe 600 Travel & Leisure che cede oltre mezzo punto percentuale.

In affanno la francese Air France-Klm e la tedesca Lufthansa che perdono rispettivamente l’1,64% a 11,08 euro sulla Borsa di Parigi e l’1,36% a 14,5 euro a Francoforte. In rosso anche la compagnia low cost Ryanair che arretra dell’1% a Londra. A fare da zavorra le nuove previsioni diffuse questa mattina dall’International Air Transport Association (Iata). L’incessante corsa al rialzo del greggio, i disastri naturali e le tensioni politiche. Sono questi i motivi principali che incideranno in maniera considerevole sulla profittabilità del settore aereo nell’anno in corso. Nel dettaglio, Iata ha ridotto del 54% le stime sugli utili 2011 portandole a 4 miliardi di dollari contro gli 8,6 miliardi di dollari previsti a marzo. Nel 2010 il comparto aveva realizzato utili pari a 18 miliardi di dollari.

All’interno del comparto aereo ribassi più contenuti per EasyJet (-0,47% a Londra). Oggi la compagnia aerea a basso costo ha registrato a maggio un traffico passeggeri in progresso dell’11,3% a 4,74 milioni di viaggiatori rispetto all’analogo periodo del 2010. Il fattore di carico (load factor) è sceso, attestandosi all’84,1%. “Il load factor per il mese di maggio 2010 – si legge in una nota – risulta essere superiore di circa 2 punti percentuali a causa del rimpatrio dei passeggeri avvenuto dopo l’eruzione del vulcano Eyjafjalla”.