1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Settimana in fermento per il settore telefonico: dopo FT attesi i conti di Telecom Italia e Deutsche Telekom

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il settore telefonico europeo si mette in evidenza in questa prima settimana di maggio.
L’attenzione è oggi Oltralpe. Prima dell’apertura dei mercato, France Telecom ha snocciolato i conti dei primi tre mesi del 2011. Un inizio anno in linea con le attese per il gruppo francese. Il primo trimestre è stato infatti archiviato con un giro d’affari per 11,23 miliardi di euro, in crescita dello 0,4%. L’ebitda è invece scivolato a quota 3,73 miliardi dai 3,78 miliardi dell’analogo trimestre 2010. Ricavi ed ebitda risultano sostanzialmente in linea con il consensus di mercato. France Telecom ha inoltre confermato l’obiettivo di pagare un dividendo per azione pari a 1,4 euro quest’anno e nel 2012. Dopo i risultati trimestrali gli analisti di CM – CIC Securities hanno confermato la raccomandazione “accumulate” su France Telecom, con target price a 17 euro per azione.
Tra i big del comparto sono attesi in settimana anche i numeri trimestrali di Deutsche Telekom (venerdì 6 maggio) e quelli di Telecom Italia (giovedì 5 maggio).

Occhi puntanti anche in Terra carioca. Tim Brazil ha alzato il velo sui conti del trimestre, con ricavi e ebitda superiore alle aspettative. “Solidi risultati – commentano gli analisti di Banca Akros -, che sosterranno moderatamente i profitti di Telecom Italia in uscita giovedì”. Secondo gli esperti di Centrosim i “dati confermano il buon andamento di Tim Brasil, anche rispetto ai target di crescita indicati nel business plan 2011-13”. E aggiungono: “Sul proseguimento di questo trend potrebbero incidere le recenti mosse commerciali di alcuni concorrenti, come ad esempio OI e Claro”.

Ubs focalizza l’attenzione sull’olandese Kpn. Gli analisti della banca elvetica hanno limato la valutazione sul gruppo telefonico, portandola da 15 a 14,5 euro. Confermata la raccomandazione “buy” dopo la riduzione della guidance. Dopo il taglio dell’outlook sull’ebitda 2011, Ubs ha inoltre ritoccato le previsioni sui ricavi dell’1-1,5% e sull’ebitda del 2-3%.

All’interno dell’Euro Stoxx Telecom, che cede circa lo 0,3%, gli unici segni più sono quelli di France Telecom (+0,06%) e Telecom Italia (+0,50%). Per il resto sono le vendite, seppure contenute, a dominare: Telefonica lascia sul parterre lo 0,4%, mentre DEustche Telekom perde lo 0,27%.