1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Settimana di ferragosto da dimenticare per Piazza Affari, giù banche e Stm

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’ultima seduta della settimana di ferragosto ha confermato la tendenza spiccatamente negativa per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha terminato l’ottava sui nuovi minimi dal aprile 2017 a quota 20.415 punti (-0,53%). Continua a pesare la diffidenza del mercato in vista dell’avvio delle discussioni per l’approvazione della legge di bilancio 2019 e lo spread che nel corso della giornata è tornato ad allargarsi a ridosso di quota 290 pb. Le ultime indiscrezioni vedono il governo al lavoro per una mini flat tax (aliquota unica al 15% per partite Iva e imprese fino a 100.000 euro di ricavi l’anno e di solo il 5% per le start up). La copertura prevista è di 3,5 miliardi a partire dal 2019.
In generale negli ultimi giorni sono aumentati i timori che la manovra 2019 vada a sforare i vincoli UE considerando anche il crollo del ponte di Genova che con ogni probabilità indurrà a inserire maggiori spese per infrastrutture.
A zavorrare il listino è ancora una volta il settore bancario: quasi -3% per Banco BPM, -3,5% Ubi Banca. Ha limitato invece le perdite Unicredit (-0,5%). Male anche i titolo oil con Saipem scesa del 3,33% complice il petrolio che ha inanellato la settima settimana consecutiva di cali.
Tra i peggiori di giornata anche Stm, giù del 2,28% sotto quota 17 euro, complice la debole intonazione del settore hi-tech dopo la delusione arrivata ieri sera da Applied Materials che ha rilasciato previsioni più deboli del previsto.
Recupero per il titolo Atlantia risalito del 5,68% dopo il crollo delle ultime due sedute che ha visto andare in fumo circa 6 miliardi di valore di mercato. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha abbassato un po’ i toni con una posizione più attendista sulla revoca della concessione (“Non è il momento di parlare di ritiro concessioni, faremo il punto settimana prossima, prima vediamo cosa succede”) facendo intendere che la posizione del governo sta mutando aprendo a un dialogo con Autostrade per vedere quanto la società sia disposta a investire per l’emergenza Ponte di Genova e in generale per la messa in sicurezza della rete autostradale. Rimane invece su posizioni dure l’altro vice premier Luigi Di Maio (“Volontà politica certa, vogliamo togliere le concessioni ad Autostrade”). Intanto S&P ha messo sotto osservazione il rating di Atlantia per un possibile downgrade considerando i potenziali risarcimenti legati al crollo del ponte di Genova e l’eventualità di dover rimborsare i bond Autostrade per l’Italia, su cui è stata emessa un’opzione put.