Sesto mese di calo consecutivo per vendite al dettaglio statunitensi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora dati peggiori delle attese degli analisti dal mercato statunitense. Le vendite al dettaglio a dicembre sono crollate ben più delle stime: il dato destagionalizzato ha infatti registrato nell’ultimo mese del 2008 un calo pari al 2,7%, mentre depurato dalla componente auto ha evidenziato una contrazione pari al 3,1%. Si tratta del maggior calo mensile dal 1990.
Entrambe le letture sono peggiori delle stime degli analisti che si attendevano un calo pari all’1,8% per il dato complessivo, -1,6% per il dato core. Si tratta quindi del sesto mese consecutivo di contrazione per le vendite al dettaglio. Rivisti al ribasso anche i dati di ottobre e novembre. Su base annua, rispetto al dicembre del 2007, la contrazione complessiva registra un pesantissimo -9,8%, confermando la gravità della crisi economica che ha investito gli Stati Uniti negli ultimi 12 mesi.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Market mover: l’agenda macro della giornata

Giornata ricca di indicazioni. L’agenda macro prevede nel corso della prima parte il Prodotto interno lordo britannico e la stima preliminare sull’inflazione di Eurolandia mentre nella seconda focus sul Pil di Stati Uniti e Canada. Dopo l’avvio delle…

Giappone: produzione industriale sotto le aspettative a marzo

In Giappone la produzione industriale, secondo la lettura preliminare di marzo, è scesa del 2,1% rispetto a febbraio, quando era salita del 3,2%, ed è aumentata del 3,3% rispetto a marzo 2016. La rilevazione è più debole del previsto. Gli analisti si…

Giappone: vendite al dettaglio +0,2% a marzo, meglio del previsto

In Giappone le vendite al dettaglio hanno segnato a marzo un aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente, quando erano salite dello 0,3%. Il dato è migliore delle attese degli analisti che avevano previsto un calo dello 0,3 per cento.