Serie di accordi in Russia per Eni, ceduto il 20% di Gazprom Neft

Inviato da Redazione il Mar, 07/04/2009 - 12:11

Accordi ad ampio spettro per la cooperazione strategica in campo energetico per Eni in Russia. L'attesa firma della cessione del 20% di Gazprom Neft da Eni a Gazprom, in linea con gli accordi già previsti, è stata solo una delle molte novità annunciate nell'ambito di un programma di sviluppo di progetti congiunti in Russia e fuori dalla Russia.

Eni ha firmato sotto il patrocinio del governo russo una serie di accordi di collaborazione in Russia e all'estero con le principali società energetiche russe (Inter Rao UES, Rosneft, Transneft e Stroytransgas) con le quali avvierà un ampio programma di cooperazione strategica che riguarderà vari ambiti del settore energetico. In particolare, Enipower e Inter Rao UES hanno firmato un accordo per analizzare progetti congiunti in Russia e altri paesi. Firmato anche un protocollo di collaborazione con Rosneft nei settori upstream e della raffinazione, sempre in Russia e all'estero. Eni spiega che gli accordi, oltre a consolidare le relazioni tra i due Paesi, rafforzeranno significativamente la sicurezza degli approvvigionamenti di gas in Italia e in Europa. La sigla degli accordi è avvenuta oggi a Mosca, alla presenza del Primo Ministro della Federazione Russa, Vladimir Putin.

Nessuna novità invece su Severenergia, in riferimento alla quale Gazprom detiene un'opzione call sul 51% del capitale, attualmente controllato al 60% da Eni e al 40% da Enel. Si stima che l'esborso totale per Gazprom per l'esercizio della call su Gazprom Neft dovrebbe attestarsi sui 4,2 miliardi di dollari.

COMMENTA LA NOTIZIA