1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Segno più per Wall Street, giù Bank of America

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street dopo esser scivolata in territorio negativo nell’ultima parte riesce a risalire la china ed a terminare la seduta con il segno più. A risollevare la giornata ci ha pensato Bullard della Fed di St. Louis, che è tornato a parlare di allentamento quantitativo. Ancora negativi i finanziari, sui quali pesa la vicenda legata ai mutui impacchettati da Bank of America (-3,32%), che secondo indiscrezioni starebbe subendo pressioni per riacquistare gli stessi titoli. Per quanto riguarda i dati macro, le nuove richieste di sussidio sono scese a 452 mila, il superindice di settembre ha messo a segno un rialzo dello 0,3% ed il Philadelphia Fed si è attestato ad 1 punto. Il Dow Jones in chiusura di seduta ha registrato un rialzo dello 0,35% portandosi a 11.146,57 punti, +0,18% dello S&P a 1.180,26 e +0,09% del Nasdaq a 2.459,67.

Dal fronte trimestrali, nonostante risultati sopra le attese -1,24% per Caterpillar, che ha registrato un utile netto in rialzo del 96% a 792 mln di dollari e ricavi in crescita del 53% a 11,13 mld, e -0,09% di Ups, i cui utili sono saliti dell’81% a 991 mln ed il fatturato ha messo a segno un +9,3% a 12,19 mld. CAT ha rivisto al rialzo le stime 2010 mentre Ups stima per l’intero esercizio profitti adjusted compresi tra 3,48-3,54 dollari. Non teme la crisi neanche McDonald’s (+1,33%). Il colosso dei fast food ha archiviato il terzo trimestre 2010 con un utile netto di 1,39 miliardi di dollari. Anche in questo caso la crescita è stata a doppia cifra: +10% rispetto all’analogo trimestre 2009. In linea con le stime invece i numeri di At&t (-0,94%) e quelli di Philip Morris (+0,14%). In attesa delle trimestrali, +3,97% e +1,36% di Amazon.com e American Express. +4,84% per Saks nel giorno in cui la Sec (Securities and Exchange Commission) ha annunciato che Diego Della Valle ha portato la quota detenuta nel capitale al 19,05% dal precedente 11,12%. Della Valle diventa così il primo azionista del colosso statunitense.