1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Segno più in chiusura per Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street chiude la seduta con il segno più nonostante qualche incertezza nel finale. I listini a stelle e strisce, come del resto anche quelli del Vecchio continente, hanno capitalizzato l’allentamento delle tensioni sui debiti sovrani europei. Il Dow ha così terminato in rialzo dello 0,30% a 11.671,88 punti, +0,37% dello S&P che si porta a 1.274,48 e +0,33% del Nasdaq a 2.716,83. In agenda macro il solo dato relativo l’andamento delle scorte all’ingrosso, scese a novembre dello 0,2% mensile. Le attese erano per un rialzo congiunturale dell’1%. Dal fronte societario -0,97% per Alcoa il day-after i conti del quarto trimestre, chiuso con un utile per azione adjusted di 0,21 dollari, di 2c sopra le attese. Deludenti invece i ricavi, saliti del 4% a 5,65 miliardi di dollari. +7,09% invece per Lennar, che negli ultimi tre mesi del 2010 ha visto utili e fatturato scendere meno delle attese. Per quanto riguarda il comparto retail, Tiffany & Co. (-0,62%) ha annunciato che nel corso delle recenti festività le vendite same-store hanno registrato una crescita dell’8%. Il buon risultato ha spinto la società ad alzare le stime per l’esercizio al 31 gennaio. Nel comparto tecnologico +1,74% per Intel, che tramite il pagamento di 1,5 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni potrà utilizzare alcune tecnologie e brevetti targati Nvidia (-1,56%). Crollo infine per Amd (-9,03%). Il Ceo Dirk Meyer ha improvvisamente rassegnato le dimissioni ed al suo posto è stato nominato ad interim Thomas Seifert, attuale direttore finanziario del gruppo.