Segno meno a Wall Street, pesa situazione in Libia

Inviato da Daniela La Cava il Gio, 24/02/2011 - 07:32
Wall Street chiude un'altra seduta in territorio negativo, appesantita dalle notizie in arrivo dalla Libia. Il Dow ha terminato in calo dello 0,88% a 12.105,78 punti, -0,61% dello S&P a 1.307,4 e -1,21% per il Nasdaq a 2.722,99. Ancora in crescita il Vix, l'indice della paura, che con un +6,39% si porta a 22,13 punti. Dal fronte macro migliore delle attese il +2,7% messo a segno a gennaio dalle vendite di case esistenti a 5,36 mln. Per quanto riguarda le trimestrali, tonfo di Hewlett-Packard all'indomani dei conti. Il titolo ha chiuso in calo del 9,62% penalizzato dall'andamento delle vendite e dalla guidance della società sul trimestre in corso. Nel comparto retail segno meno per Lowe's e Saks (-1 e -2,55%) nonostante i risultati migliori del previsto. Sopra la parità nel giorno della trimestrale il costruttore di abitazioni di lusso Toll Brothers, che si è portato a casa il 2,12%. Per quanto riguarda l'M&A, Enterprise Products Partners (-1,67%) ha annunciato di avere lanciato una proposta d'acquisto su Duncan Energy Partners (+24,08% a 40,4$) da 42 dollari per azione. Contiene le perdite il comparto energetico grazie al balzo del brent in quota 112 dollari e del light di poco sotto i 100 dollari il barile. Tra i big del settore spicca il +1,91% di Exxon ed il +1,94% di Chevron.
COMMENTA LA NOTIZIA